La Penisola di Ancarano, con il borgo di Ancarano e il Parco naturale Punta grossa, è una delle destinazioni turistiche più importanti della costa slovena. È la scelta giusta per chi vuole scoprire gli angoli verdi della natura incontaminata, godersi la vista sul mare e rilassarsi su diverse spiagge.

La parte meridionale della penisola è completamente circondata dal mare, mentre a nord confina con l'Italia e il comune di Capodistria. Quest’ ampia finestra sul Mediterraneo ha per secoli affascinato i visitatori con la sua posizione geografica e panorami eccezionali, baie naturali, vigneti e uliveti. Il luogo emana un senso di familiarità; i turisti si rilassano stando a contatto con la natura. Il clima locale, con effetti benefici sulla salute, ha contribuito allo sviluppo del turismo e della salute. Descrivono l’atmosfera locale il verde a ridosso del mare, la tranquillità e l’autenticità.

Sta tutto lì, di fronte a te. La penisola, scarsamente popolata, è immersa nelle onde del Golfo di Trieste e offre scorci pittoreschi verso est e le vicine città costiere slovene, Capodistria, Isola e Pirano. A ovest si vedono le vette delle Alpi, sotto le quali la costa del mare italiano scompare verso Grado. Anche la capitale slovena di Lubiana è a solo un'ora di distanza.

La penisola di Ancarano unisce tutta l'offerta turistica del comune più giovane in Slovenia. Il comune, desiderato per tanti anni dai suoi abitanti, è stato creato per poter preservare la sua diversità naturale e paesaggistica (2011). Nel 2018 è stato proclamato il Parco naturale di Punta grossa.

La maggior parte delle caratteristiche naturali protette si trovano nell'area del parco naturale tra le spiagge di Valdoltra e Lazaret. Nel cuore del parco, sopra la parte occidentale della costa di Ancarano (12 km di lunghezza), sorge un'alta e molto pittoresca scogliera di flysch, sotto la quale si estende un largo fondale poco profondo. Ad est, nei pressi della foce del fiume Risano, la costa si trasforma in pianura. Sulla pianura costiera ad est di Ancarano, presso San Nicolò, invece, si estende l'unico prato salato mediterraneo. La pianura prosegue poi verso l'area dove è ubicato il porto per il traffico internazionale di Capodistria.

Il borgo di Ancarano, la più grande area popolata e il centro amministrativo della penisola, si estende lungo la costa, a pochi passi dall’ entrata nel parco naturale. È circondato da frazioni sparse. Lungo la costa è ubicato il complesso turistico Adria, parte del quale è anche l'ex monastero benedettino di San Nicolò. 

La destinazione Penisola di Ancarano è adatta alle vacanze in famiglia, ma è anche adatta alle esigenze di viaggiatori individuali e gruppi. Attratti da panorami incredibili, ma soprattutto dall’eccezionale diversità biotica sulla terra e nel mare, gli amanti e protettori della natura sono tra gli ospiti più frequenti sulla penisola di Ancarano. 

La destinazione è adatta ai passeggiatori, ciclisti e persone con problemi di salute durante tutto l’anno, grazie al suo clima mediterraneo con i suoi inverni estremamente miti.

In estate, le spiagge di Valdoltra, Študent, Punta grossa e la baia di San Bartolomeo invitano i turisti a visitare gli angoli verdi e tranquilli con diversi ristori. L’estate è arricchita da numerosi eventi, dai concerti per diversi gusti agli eventi culinari, dove i produttori locali offrono le loro prelibatezze.